Recuperare un vecchio mobile

Ciao!
Eh già ferie finite purtroppo, ma sono state belle, riposanti al punto che mi sembra di essere stata via per mesi 😅😅.
Tutto questo riposo mi ha messo addosso una gran voglia di creare cose nuove, ed il massimo della soddisfazione lo provo nel partire dal sistemare quelle vecchie.
Questa era la vecchia toiletta di mia mamma, l’ha data a me quando ha cambiato camera.
Da piccola ci passavo le ore, perché il piano si alza e all’interno c’è un grande specchio e tanti scomparti dove lei teneva anelli bracciali e collane.
Quando potevo, mi sedevo sul puff e alzando il ripiano mi trasformavo in una principessa divertendomi ad aprire tutte le scatole con i monili e provarmi collane, braccialetti eccetera.
A volte mi bastava anche solo toccarli, specie per i più preziosi per paura di rovinarli ed ogni gioiello aveva una sua storia che mamma mi aveva raccontato.
Se mi concentro, ricordo ancora l’odore che aveva quando l’aprivo.
E quindi figuriamoci se un oggetto così a me caro, va buttato via.
E’ anche vero però, che aveva questo colore insignificante che non centrava niente con tutto il resto e quindi… nel vero spirito shabby, giù di pennello!
Recuperare questo mobile in stile shabby chic è stato facile e veloce, c mi ha soddisfatto in pieno.
Vuoi sapere come l’ho realizzata, e a cosa l’ho adibita?
Allora non perderti il video che ho creato, ti lascio qui link  per accedervi direttamente.
Ed eccola finita.
Anche se la tecnica che ho usato per dipingerla, non è strettamente Shabby, lo è invece il voler tenere e recuperare un mobile, invece che tagliarlo e buttarlo nel caminetto, perchè con se porta sentimenti, ricordi, legami e nel mio caso un pezzettino di infanzia.
Non fosse abbastanza, dato che la sua destinazione è la mansarda ed in un angolino molto basso, è proprio perfetto, perchè contrariamente avrei dovuto farlo fare su misura.
Se il post su come recuperare un mobile vecchio ti è piaciuto fammelo sapere con un commento o un mi piace, mi farebbe piacere.
Allora, ci vediamo su YouTube!

Lascia un commento